Cerca nel blog

Caricamento in corso...

venerdì 22 maggio 2015

Campioni di oggi, nostri atleti di ieri

In questi giorni sono saliti alla ribalta alcuni atleti veronesi per le loro grandi imprese sportive. Due di loro hanno giocato per la nostra società alcuni anni fa e per noi del Fumane S.Ambrogio Basket è motivo d'orgoglio sapere che dei nostri ex atleti oggi sono dei campioni, anche se in altre discipline. Abbiamo intervistato il nostro vicepresidente Damiano Conati, che ha allenato entrambi i ragazzi in questione una decina di anni fa.

Il primo è Davide Formolo, recente vincitore di una tappa al Giro d'Italia, classe 1992, di Marano di Valpolicella. Formolo ha partecipato al progetto "Basket a scuola" nel 2006. Nella foto è il primo a sinistra. "Davide - ci racconta coach Damiano - era (ed è) simpaticissimo! Uno dei più allegri del gruppo dei '92. Era piccolo di statura e indubbiamente il basket non era il suo sport! E' stata davvero una grande soddisfazione vederlo vincere una tappa al Giro d'Italia e sapere che sta concorrendo per la classifica generale. Gli auguriamo il massimo, perchè i sacrifici per un ciclista professionista sono davvero tanti. Forza Roccia!".
Davide Formolo, il primo a sinistra, in palestra a Fumane nel progetto Basket a Scuola

Davide Formolo oggi in maglia Cannondale di ciclismo
L'altra è Desirè Marconi, classe 1995 di Sant'Anna D'Alfaedo, recente vincitrice dello Scudetto con il Verona Calcio Femminile. "Desirè - dice Damiano - era piccola. Aveva 9 anni quando l'ho allenata io a Sant'Anna, però era già allora un trattore! Non si fermava davanti a niente e dopo pochi minuti di allenamento diventava già tutta rossa! Brava ad essersi affermata nel mondo del calcio e a portare a casa uno Scudetto, nonostante la giovane età! I migliori auguri per la sua carriera".
Nella foto con il Fumane Sant'Anna Basket, Desirè è la prima in basso a destra.

Desirè Marconi in basso a destra con il basket a Sant'Anna nel 2004-2005
Desirè Marconi oggi in maglia Verona Calcio




mercoledì 20 maggio 2015

Amichevole per la squadra Over 40

Dopo un'annata formidabile dal punto di vista dei partecipanti (in alcuni allenamenti i nostri "ragazzi" erano anche in una ventina), la squadra Over 40 della società Fumane S.Ambrogio Basket, allenata dall'ottimo Carlo Combi, ha giocato la sua prima amichevole stagionale. Contro una squadra amatoriale legata al Don Calabria di Via San Marco. Il punteggio 116-76 per gli avversari, è più frutto dell'età: gli avversari avevano una media età sui 30/35 anni, mentre i nostri di una decina d'anni superiore. Però è stato davvero bello concludere l'anno sportivo in questo modo. Ed arrivederci all'anno prossimo, con l'invito sempre aperto a chiunque abbia voglia di fare qualche tiro a canestro con passione e senza agonismo. Sempre il lunedi sera a Fumane.

La nostra squadra Over 40
I nostri insieme agli avversari del Don Calabria


Serie C: arrivederci a Trento, bentrovata Rovigo

E' Conegliano a spuntarla in due partite nella finale play-out di Serie C femminile e a far retrocedere Trento, che insieme a Bolzano, caduta nella stagione regolare, disputerà il campionato di Promozione femminile l'anno venturo. Per quel che riguarda i play-off invece è Virtus Venezia in vantaggio 1-0 nella serie contro Cadelfa Padova.
Invece dalla Promozione arriva la prima neopromossa: è Rhodigium Basket Rovigo che ha battuto in finale il Montecchio Vicentino. L'altra squadra che disputerà la Serie C potrebbe essere la stessa Montecchio, oppure una del Veneto che potrebbe retrocedere da categorie superiori.

martedì 19 maggio 2015

U15m: si chiude una buona stagione

Finisce con una sconfitta la stagione degli Under 15 di coach Arianna Contato, sostituita per l'ultimo match dell'anno da coach Alessandra Giardini, perchè impegnata con le final four dell'Under 13 femminile di Pgs da lei allenata.
I nostri cadono 61-40 a Sustinente, in pieno territorio mantovano. La partita inizia male con i nostri che subiscono nei primi due tempi tanto. Colpe? Forse la non concetrazione, forse la paura di aver visto un avversario che nel riscaldamento sembrava fenomenale, forse il fatto che coach Alessandra non conoscesse bene il gruppo. Ma nella seconda parte di gara, la manovra dei nostri appare ben più fluida, l'allenatrice ingrana la marcia e, grazie ad alcune scelte tattiche interessanti, riavvicina i mantovani. Si arriva a -20 (il parziale era ben peggiore nel primo tempo), ma più in là non si va. Si tratta di una prestazione di cui essere soddisfatti! E anche questa stagione è andata!
Brai butei!!

Eso F: terza sconfitta ma la squadra cresce

Perdiamo i pezzi per strada (6 infortunate in una sola stagione è una cosa poco comune, soprattutto se in due o tre casi gli infortuni sono molto gravi), ma la squadra Under 13/Esordienti femminile di coach Damiano Conati e Marta Romanelli cresce costantemente. La partita casalinga con Arilica Pozzolengo mista è bella e per lunghi tratti equilibrata. Merito delle nostre che stanno capendo cosa vuol dire giocare una partita di pallacanestro, si stanno prendendo le loro responsabilità, stanno crescendo a vista d'occhio. E se le 6 assenti ci fossero state, oggi probabilmente staremmo raccontando una bella vittoria. Ma con i se e con i ma non si va da nessuna parte, quindi impariamo anche dalle sconfitte, prendiamo quanto di buono visto con Pozzolengo, prendiamo i primi due periodi finiti in parità e esultiamo anche davanti a questo 23-49, perchè è da queste partite che una squadra (femminile contro una mista) cresce in previsione dlel'anno prossimo. Avanti tutta!

venerdì 15 maggio 2015

Domenica 17 maggio: festa di fine anno


Prima: usciti a testa alta



55-54 per Est Veronese, che bissa la vittoria di gara-1 (59-56) e per 4 miseri punticini di distacco in due partite strappa il pass per la finale del campionato di Prima Divisione 2014/2015. Peccato, perchè ci avevamo creduto. Ribaltare il -3 dell'andata non era impossibile e infatti i nostri ragazzi sono arrivati davvero a un passo dal riuscirci: giocano nel complesso una buona partita, almeno per quanto riguarda il reparto difesa. Sempre presenti con le mani in faccia agli avversari. Il nervosismo ovviamente si è fatto sentire (d'altronde era una semifinale play-off) e il pubblico di casa, che aveva sempre qualcosa da ridire, non ha di certo aiutato. Buona percentuale da tiro libero, buone soluzioni offensive e l'ultimo minuto delicato e sempre sul filo dell'equilibrio. Purtroppo qualche pecca nel finale, quando il puntaggio era in parità, con palle perse per errori nei fondamentali o per un po' di stanchezza. E quel -1 conclusivo che sancisce il passaggio del turno dei ragazzini di Soave. Buone prestazioni di Bianconi e Guardini. In generale buona prova di squadra nelle due sfide: abbiamo finito praticamente punto a punto sia gara-1 che gara-2. Passa, forse giustamente, visto anche l'andamento nella stagione regolare, l'Est Veronese, ma noi usciamo a testa davvero alta. Bravo coach Fracchetti, bravi ragazzi! Peccato!